Alle 20.52 del 31 dicembre Brian Chesky co-fondatore e Ceo di Airbnb lanciava questo tweet.

I numeri del Capodanno targato Airbnb  

Nel 2009  1400 “pionieri” usarono la neonata piattaforma di Airbnb per organizzare il proprio capodanno.

Nel 2016 sono stati oltre 2 milioni a preferirla, per le vacanze di Capodanno, ad altre forme di prenotazione.

Un successo che va oltre le aspettative dei fondatori

55.000 ospiti nella sola New York, come riporta l’ufficio stampa di Airbnb,  seguono Londra, Parigi, Tokyo e Roma.

200 sono i paesi di provenienza

95 dollari  e’ il prezzo medio per la notte di Capodanno

32 milioni di dollari guadagnati solo nella Grande Mela, segue Londra con quasi 21 milioni di dollari.

Non solo home-sharing

Non solo leader dell’home-sharing, la mission di Airbnb di creare un mondo in cui i viaggiatori vengono a contatto con le culture locali ora può contare anche su Airbnb Experiences , una semplice app aiuta ad arricchire il viaggio, e a rendere indimenticabile la vacanza.

La sharing economy è un trend in crescita

Conoscere per non subire il cambiamento, capire per non soccombere.

L’ospitalità ama la globalizzazione e ce lo sta dimostrando.
Daniela Ballarini